News

Notizie & Aggiornamenti

Dalla data del 9 novembre 2016, data della circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,  è ora possibile sostituire i serbatoi GPL delle auto OEM anche da parte di officine non autorizzate dalle case automobilistiche.

E' possibile scaricare la circolare qui

Dalla data del 30 novembre 2016, data in cui è stata pubblicata la circolare dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti,  è ora possibile revisionare le bombole metano di TIPO 4 nelle officine private che poi dovranno comunicare queste operazioni al Comitato Gestione Bombole Metano.

E' possibile scaricare la circolare con più dettagli qui

Regione Toscana:

Veicoli trasformati a gpl o metano nel 2015: esenzione bollo per tre anni 

Fruiranno automaticamente dell'agevolazione i veicoli il cui sistema gpl o metano sarà collaudato entro il 31 gennaio 2016. 

La Regione Toscana ha introdotto a fine anno, con la legge finanziaria per il 2015 (legge regionale del 29.12.2014 n. 86/2014), l'esenzione triennale dal bollo auto per tutti quei veicoli, indipendentemente dalla loro categoria euro e dalla loro potenza, nei quali sarà installato il sistema a gpl o a metano nel periodo 1 gennaio-31 dicembre 2015, con collaudo dello stesso, successivamente all'immatricolazione, entro il 31 gennaio 2016. Per godere dell'esenzione triennale, il contribuente non dovrà fare nessuna richiesta alla Regione Toscana: l'agevolazione fiscale sarà infatti attribuita automaticamente, sulla  base dei dati in ingresso al sistema informativo regionale di gestione della tassa auto.

 

GPL auto, la soluzione per abbattere le emissioni inquinanti. Assogasliquidi auspica politiche fiscali adeguate per incentivare lo sviluppo dei carburanti ecologici.

Roma, 2 dicembre 2015

“I recenti dati sull’inquinamento ambientale impongono scelte che incoraggino i cittadini a circolare con mezzi alimentati da carburanti ecologici. Tali scelte ci sembrano ancora più urgenti alla luce dei dati relativi al mercato auto, con un aumento delle auto più inquinanti (+ 28,6%per il diesel e +42,8% per la benzina) e un notevole calo dei veicoli ecologici (-20.8% per il GPL e -31.8% per il metano). Lo Stato deve quindi intervenire con urgenza a sostegno di questi carburanti con politiche fiscali agevolate”. Lo ha dichiarato Francesco Franchi, Presidente di Assogasliquidi (associazione nazionale che rappresenta i settori di GPL e GNL) alla vigilia delle votazioni per la Legge di Stabilità nell’ambito della quale sono stati presentati alcuni emendamenti a sostegno dei carburanti gassosi. Uno fra tutti, la proposta di eliminare il pagamento del bollo auto sui veicoli alimentati a GPL in modo da favorirne lo sviluppo.

Da martedì 22 marzo 2016, sono riaperte le prenotazioni per gli incentivi alle trasformazioni a gas dei veicoli nel quadro dell’iniziativa denominata “ICBI” (Iniziativa Carburanti a Basso Impatto), frutto dell’Accordo di Programma tra Ministero dell’Ambiente e una Convenzione tra Comuni, della quale Parma è Comune Capofila e che oggi raggruppa 674 Comuni sul territorio nazionale.

La riapertura degli incentivi, nelle modalità stabilite nell’ultima Conferenza degli Assessori del 28/05/2015, è stata programmata dopo aver espletato tutto l’iter amministrativo necessario e le verifiche utili con il Ministero, erogatore dei fondi.


Da martedì 22 marzo 2016, sono riaperte le prenotazioni per gli incentivi alle trasformazioni a gas dei veicoli nel quadro dell’iniziativa denominata “ICBI” (Iniziativa Carburanti a Basso Impatto), frutto dell’Accordo di Programma tra Ministero dell’Ambiente e una Convenzione tra Comuni, della quale Parma è Comune Capofila e che oggi raggruppa 674 Comuni sul territorio nazionale.

La riapertura degli incentivi, nelle modalità stabilite nell'ultima Conferenza degli Assessori del 28/05/2015, è stata programmata dopo aver espletato tutto l’iter amministrativo necessario e le verifiche utili con il Ministero, erogatore dei fondi.

Saranno disponibili residui dei fondi precedentemente stanziati per le trasformazioni di:

- veicoli benzina euro 2 ed euro 3;

- veicoli commerciali inferiori a 3,5 t a benzina;

- veicoli commerciali diesel con sistemi dual fuel, solo per aziende o enti pubblici.

 

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.